Pappa Fish 2017 Campagna Educativo Alimentare
22/02/2017

PAPPA FISH, CHE DIVERTIMENTO MANGIARE IL PESCE FRESCO A SCUOLA!

“Pappa Fish - mangia bene, cresci sano come un pesce” è la campagna educativa alimentare promossa dalla Regione Marche e cofinanziata dall’Unione Europea nell’ambito del fondo europeo per la pesca.

L’iniziativa, promossa dalla Regione Marche e finanziata all’80% con fondi europei FEAMP (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) della programmazione 2014-2020, unita allo stanziamento del Comune, nasce per incentivare un’alimentazione corretta fra i ragazzi e contemporaneamente valorizzare il mare, i suoi prodotti e la tradizione marinara e il prodotto allevato nella nostra regione. È noto a tutti quanto il pesce fresco sia indispensabile in un’alimentazione sana ed equilibrata, ed è tra gli alimenti maggiormente consigliati per le sue notevoli proprietà nutrizionali e per i benefici che apporta all’organismo. «Oltre alla somministrazione del pesce fresco locale nelle mense, il progetto si sviluppa anche a scuola con un percorso di sensibilizzazione, svolto con la preziosa collaborazione dei docenti e grazie agli Educatori Qualificati del Centro CEA “Ambiente e Mare”, R. Marche, della Partners in Service srl.– continua la Responsabile Biologa Nutrizionista dott.ssa Barbara Zambuchini. La mensa scolastica non è solo il luogo in cui nutrire i bambini, ma un momento essenziale per educarli alla sana alimentazione. Così, insieme al pesce fresco, i bambini potranno “nutrirsi” anche di capacità e competenze per essere protagonisti attivi delle proprie conoscenze, esperienze scelte». Alici, suri, moli, sgombri, vongole, pannocchie e totani ma anche la trota salmonata e/o fario: sono solo alcune delle tipologie di pesci e molluschi che, interpretate in ricette appetitose,arriveranno sulla tavola degli alunni a seconda della disponibilità e della stagione.

Il progetto introduce il pesce fresco dell’adriatico nelle mense scolastiche accanto ad un percorso didattico integrato, per far scoprire agli alunni un alimento non solo buono e sano, ma anche divertente.

Il pesce fresco a scuola: buono, sano e divertente

La Regione Marche ha lanciato la campagna educativa alimentare Pappa Fish - Mangia bene, cresci sano come un pesce per incentivare il consumo di pesce nelle mense scolastiche del territorio. Il pesce è un alimento che soprattutto ai bambini fa un mare di bene, come tutti gli esperti dimostrano. È una fonte preziosa di omega 3, utili alla concentrazione, oltre che di proteine nobili altamente digeribili, sali minerali e vitamine.
Pappa Fish nasce quindi come un progetto articolato e necessario, particolarmente oggi, quando ritmi quotidiani purtroppo frenetici impongono cibi scarsamente salutari.
Nonostante le prevedibili difficoltà, i primi risultati ci hanno fatto constatare un grande successo, grazie alla collaborazione di tutti: amministrazioni, scuole, mense e filiera della pesca.

Per questo la Regione Marche ha deciso di riproporre il progetto per l’anno scolastico 2016/2017.

“Il PRINCIPE AZZURRO” CAMPAGNA EDUCATIVA ALIMENTARE NELLE SCUOLE 2016/2017
02/12/2016

Progetto Finanziano nel Piano di Produzione e Commercializzazione 2016 O.P. ABRUZZO PESCA Soc. Coop.D.G. PEMAC - 02 Prot.0004251 del 02/03/2016 Reg. (UE) 1379/2013, Art.28 – Reg. (UE) 1418/2013

Il Progetto “il Principe Azzurro” è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Fondo Europeo per gli Affari marittimi e la Pesca, FEAMP P.O.2014/2020 e dal MIPAAF (Dipartimento delle Politiche Competitive, della Qualità Agroalimentare, Ippiche e della Pesca - Direzione Generale della Pesca Marittima e dell’acquacoltura), con il Patrocinio della Provincia di Teramo,della Regione Abruzzo e dei Comuni aderenti. L’iniziativa ha l’obiettivo di far conoscere e consumare il pesce Azzurro dell’Adriatico e allo stesso tempo, possiede l’importante compito di educare le nuove generazioni alconsumo consapevole, al rispetto dell’ambiente e al senso di appartenenza culturale

Così Il Principe Azzurro è arrivato nelle scuole abruzzesi! La realizzazione della Campagna Educativo Alimentare, « il Principe Azzurro » legata alle stagioni“un pesce per ogni stagione”, è stata destinata all’ attuazione di una politica di qualità, di valorizzazione e promozione nonché sviluppo di nuovi mercati per i prodotti della pesca locali sostenibili. L’iniziativa ha coinvolto i bambini delle Scuole Pubbliche dell’Infanzia e/o della Primaria dei Comuni abruzzesi. Gli istituti che hanno aderito al Progetto “Il Principe Azzurro” fanno parte dei seguenti ISC: Martinsicuro-Villa Rosa, Alba Adriatica e Nereto-Torano-S.Omero. Il Presidente dell’O.P Abruzzo Pesca Soc. Coop., nonché redattore del progetto, ha sottolineano come effettivamente l’iniziativa abbia raggiunto l’obiettivo di abituare i bambini al consumo di pesce, portandoli a scoprire non solo che è buono e fa bene, ma che è anche divertente!

Per Saperne di più visita la sezione Progetti

Festa dell’Orto Scolastico presso Scuola via Pascoli Stella di Monsampolo
05/09/2016

ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” A.S.2015-2016 L.R. 12/2003 R. Marche

ISC “A. De Carolis” Acquaviva Picena e Monsampolo del Tronto (AP) «Tutti giù per Terra» - Sostenibilità e Biodiversità

Scuola Primaria “ Nicola Gaetani Tamburini”di via Pascoli di Stella di Monsampolo del Tronto (AP)

L’esperienza di un orto biologico a Scuola“ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” A.S.2015-2016 L.R. 12/2003 R. Marche Tutela delle risorse genetiche animali e vegetali del territorio marchigiano

L’obiettivo diquesto progetto è stato quello di rafforzare il legame tra le attività dell’Agricoltura locale e l’ecosistema “terra”. I piccoli di oggi saranno i futuri adulti e ci poniamo come obiettivo quello di impartire conoscenze che sensibilizzino gli adulti del futuro e le loro famiglie verso le tematiche ambientali. Per questo motivo, la Scuola Primaria di via Pascoli Nicola Tamburini di Stella di Monsampolo (AP) dell’I.S.C. Adolfo De Carolis, in collaborazione con il Centro di Educazione Ambientale “Ambiente e Mare” riconosciuto Regione Marche, cogliendo l’occasione del Bando di Concorso Regionale “ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” a.s. 2015–2016 si sono posti come obiettivo, la continuità dell’orto biologico scolastico e l’approfondimento delle tematiche legate all’ambiente. L’orto è stato realizzato all’interno dalla scuola della Primaria di via Pascoli di Stella diMonsampolo (AP) in occasione del Bando di Concorso “ORTI SCOLASTICI E BIODIVERSITA’ AGRARIA” A.S. 2014–2015 «L.37 12/2013 a tutela delle risorse genetiche animali e vegetali del territorio marchigiano», l’orto è stato recintato ed è stato realizzato un impianto idrico con acqua di pozzo per l’irrigazione dello stesso. La presenza di un orto scolastico Biologico riveste per il bambino un eccezionale valore educativo, favorendo un legame affettivo tra il bambino e la vita degli altri esseri viventi.

Al progetto hanno pasrtecipato tutte le classi 1°, 2°, 3°, 4° e 5° della Scuola della Primaria di via Pascoli di Stella di Monsampolo (AP) Nicola Tamburini dell’I.S.C. Adolfo De Carolis. Il Progetto ha coinvoltoun totale di circa 180 Alunni. Gli alunni della Primaria, gestori dell’orto sono stati supportati dalle insegnanti, che hanno affiancato al programma ministeriale le attività pratiche teoriche e laboratoriali dell’orto. E’ stata utilizzata una metodologia di tipo laboratoriale, fondata sull’esperienza, sull’imparare divertendosi e promuovendo l’osservazione attenta, le attività sensoriali infondendo il rispetto per l’ambiente e per il suolo.

Sabato 21 Maggio si terrà la festa nell’Orto, per mostrare a tutti i risultati dei lavori invernali. Alla festa sonostate invitate tutte le famiglie degli alunni che hanno preso parte al progetto, gli amministratori Comunali e la stampa locale.

Pappa Fish Day ad Anghiò
07/07/2016

Pappa Fish Days ad Anghiò ! Fra le novità, l’area dedicata ai bambini che potranno trascorrere qualche ora in compagnia di animatori ad hoc che proporranno simpatici e coinvolgenti giochi sul tema del mare e della pesca.

Partners in Service - Cea “Ambiente e Mare” saranno Gestori delle attività ludiche ed educative! Saremo presenti con giochi tematici e l’angolo Pappa Fish, Campagna Educativa Alimentare nelle Scuole Regione Marche.
Vi Aspettiamo dal Venerdì alla Domenica 8/17 Luglio 2016 dalle ore 19 alle 22!!

A CENA CON I PESCATORI 2°EDIZIONE
22/06/2016

L’Associazione Martinpescatori e Organizzazione Produttori Abruzzo PescaOrganizzano in collaborazione con Il CEA “Ambiente e Mare”

Darsena, Lungomare Europa Zona Nord MARTINSICURO #2 A cena con i pescatori La piccola pesca e Il Principe Azzurro Si racconta e si assaggia…

Piccola Pesca, Grandi Presenze

L’Associazione Martinpescatori e Organizzazione Produttori Abruzzo PescaOrganizzano in collaborazione con Il CEA “Ambiente e Mare”

Darsena, Lungomare Europa Zona Nord MARTINSICURO #2 A cena con i pescatori La piccola pesca e Il Principe Azzurro Si racconta e si assaggia…

Piccola Pesca, Grandi Presenze

La serata “A cena con i pescatori ” è stata pensata per promuovere il prodotto ittico locale, per sensibilizzare la popolazione sulle tematiche ambientali e divulgare storie di mare e di pesca, tramite differenti mezzi (musica, fotografia, video, ecc).

Si è concluso il secondo appuntamento dell’iniziativa “A Cena con i Pescatori, La Piccola Pesca e il Principe Azzurro … Si Racconta e SiAssaggia”. La serata è iniziata con l’apertura dell’Ecomuseo del mare e della Pesca, seguito dall’inaugurazione di due mostre fotografiche incentrate sulla “Piccola Pesca” e sul “Pesce Azzurro” ed infine il Mercatino della Sostenibilità Ambientale e del Riciclo.

La Dott.ssa Barbara Zambuchini della Partners in Service srl co-organizzatori dell’evento ha poi presentato il video “La pesca del Pesce Azzurro e la Piccola Pesca”, Video realizzato dalla PARTNERS IN SERVICE SRLS “Start Up Innovativa” in collaborazione con Vincenzino Crescenzi OP Abruzzo Pesca, e i pescatori della Piccola Pesca di Martinsicuro.

Festa e Fiera all’Orto Bio
27/05/2016

EVENTO FINALE L’evento finale si è svolto il 27 Maggio 2016 presso la scuola Benedetto Croce di Centobuchi, dalle 16:30 alle 18:30.

- Conferenza stampa/Comunicato stampa fine progetto. Saluti Autorità. Sono state invitate le autorità locali, sono state inoltre invitate tutte le famiglie dei bambini e i giornalisti locali con il fine di condividere i risultati raggiunti. All’ apertura della manifestazione è stato presentato dalla Biologa Nutrizionista Barbara Zambuchini un video realizzato dalla Partners in Service srl “CEA Ambiente e Mare” R. Marche, il video riassuntivo del progetto ha narrato il lavoro fatto nell’ arco dei mesi. Successivamente la Dirigente scolastica Francesca Fraticelli e/o la Referente Progetto Giuseppina Coclite, e insieme ad alcuni alunni coinvolti nel progetto, hanno raccontato l’avventura dell’orto ai presenti. Al termine della conferenza stampa è stato servito il caffè ai partecipanti.

Festa Finale e Fiera di Primavera 2016.

Al termine della conferenza stampa finale l’attenzione si è spostata all’aperto dove è stata organizzata presso l’orto Bio, la festa finale e la fiera di Primavera. Nell’ Orto grazie all’ aiuto di Nonno Pasquale si pianterà il piccolo frutteto, è seguita la Mietitura, è stato mostrato a tutti i presenti l’arte dell’antica Mietitura a mano. E’seguita in fine la Fiera di primavera, dove gli alunni hanno offerto ai cittadini, genitori e parenti le piantine fatte dai bambini.

Programma dell’Incontro “Festa Finale dell’Orto e Fiera di Primavera”.

Sono stati invitati:

· Genitori e nonni degli alunni delle tutte le classi

· Sindaco di Monteprandone Stefano Stracci

· Consigliere con delega Istruzione e Famiglia, dott.ssa Daniela Morelli

· Stampa locale

Programma ha previsto un incontro presso l’Orto Biologico della Scuola Primaria “Benedetto Croce” circa 2h :

Interverranno

· Sindaco Comune di Monteprandone Stefano Stracci

· Consigliere con delega Istruzione e Famiglia, dott.ssa Daniela Morelli

· Dirigente ISC Monteprandone, dott.ssa Francesca Fraticelli

· Referente Progetto Scuola “Primaria B. Croce” l’insegnante, dott.ssa Giuseppina Coclite e le altre insegnanti delle classi coinvolte

· Partners in Service srl “CEA Ambiente e Mare” R. Marche, Biologa Nutrizionista Barbara Zambuchini

· Nonno Pasquale, volontario che collabora con il progetto dell’Orto Bio

Programma

Ore 16:30 Conferenza Stampa Finale

- Saluti Autorità

Sindaco Comune di Monteprandone Stefano Stracci

Consigliere con delega Istruzione e Famiglia, dott.ssa Daniela Morelli

-Presentazione del Progetto svolto “Incontri all’ORTO BIO” Dirigente ISC Monteprandone, dott.ssa Francesca Fraticelli e/o Referente Progetto Scuola “Primaria B. Croce” l’insegnante, dott.ssa Giuseppina Coclite e le altre insegnanti delle classi coinvolte. Saranno ascoltate le testimonianze dei bambini coinvolti nel progetto.

- Visione Video del progetto “Incontri all’ORTO BIO” Realizzato da Partners in Service srl “CEA Ambiente e Mare” R. Marche, Biologa Nutrizionista Barbara Zambuchini


Ore 17:00 Festa e Fiera finale dell’Orto Bio

- Piantiamo il piccolo Frutteto! Nonno Pasquale, pianterà il piccolo Frutteto della Scuola

- L’arte della Mietitura a Mano. Dimostrazione dell’antica arte della Mietitura a Mano

- Fiera di Primavera. Gli alunni offriranno ai cittadini, genitori e parenti le piantine fatte dai bambini in cambio di una piccola offerta che servirà per sostenere il futuro dell’Orto Bio.

Secondo Incontro all’Orto Bio
27/04/2016

Il Secondo incontro si è svolto il 26/04/2016, dove gli esperti del CEA “Ambiente e Mare” si sono resi

disponibili dalle 16:30 alle 17:30 presso l’orto della scuola, ad accogliere i partecipanti, che nell’ intervallo scelto, sono stati accolti per un tour dell’orto con le esaustive spiegazioni di nonno Pasquale, che ha intrattenuto la numerosa platea di genitori e nonni accorsi per l’occasione. Nonno Pasquale ha mostrato gli attrezzi del mestiere ed ha risposto a domande e curiosità dei presenti. Successivamente la Referente Progetto Giuseppina Coclite e le altre insegnanti delle classi coinvolte hanno mostrato i “quaderni dell’Orto”. Quaderni in cui i bambini appuntano i lavori svolti nell’orto, riflessioni e abbelliscono con disegni sul lavoro svolto
nell’Orto. Con gli esperti del CEA “Ambiente e Mare”, sono stati illustrati i materiali redatti per realizzare un piccolo orto domestico. Sono state diffuse e promosse tematiche ambientali e sull’alimentazione biologica, sono stati pubblicizzati i differenti canali di promozione del progetto.

Programma dell’Incontro II 2° “Il caffè nell’orto”.

Sono stati invitati:

· genitori e nonni degli alunni delle tutte le classi

· Consigliere con delega Istruzione e Famiglia, dott.ssa Daniela Morelli

Programma ha previsto un incontro presso l’Orto
Biologico della Scuola Primaria “Benedetto Croce” circa 1h :

Sono Intervenuti

· Referente Progetto Scuola “Primaria B. Croce” l’insegnante, dott.ssa Giuseppina Coclite e le altre insegnanti delle classi coinvolte

· Nonno Pasquale, volontario che collabora con il progetto dell’Orto Bio

· Partners in Service srl “CEA Ambiente e Mare” R. Marche, Biologa Nutrizionista Barbara Zambuchini e Naturalista Valentina Capannelli

Programma

- Presentazione del Progetto “Incontri all’ORTO BIO”

- Presentazione pagina Facebook del “progetto dell’orto BIO”

-Colloqui informativi sulla tematica Orto biologico, sensibilizzazione sulle tematiche ambientali e alimentari

- Visita guidata all’orto BIO presso la Scuola

- Approfondimenti e Curiosità sull’ orto Biologico e la sua cura

- Presentazione dei lavori svolti dagli Alunni delle 5 classi

Primo Incontro all’Orto Bio
27/11/2015

Venerdì 27 Novembre si è svolto il “Primo incontro all’Orto Bio”, iniziativa di orticoltura sociale e didattica, uno dei 20 progetti finanziati dalla R. Marche (DGR n. 597 del 19/05/2014) della Scuola Primaria di via B. Croce di Centobuchi di Monteprandone (AP) dell’I.S.C. di Monteprandone presso la nuova Sala Convegni di Piazza dell’Unità di Centobuchi di Monteprandone, alle ore 11 e alle ore 15.

Sono intervenuti circa 90 bambini, all’incontro entusiasti del progetto hanno partecipato anche i genitori e i nonni degli alunni.

La Dirigente dell’ISC di Monteprandone, Prof. dott.ssa Francesca Fraticelli, durante il suo intervento ha sottolineato l’importanza sociale ed educativa di avere un orto a scuola. Ha evidenziato come oggi più che mai sia importante avere una giusta e corretta alimentazione. Per avere degli adulti sani è necessario crescere dei bambini consapevoli e sensibili alle tematiche ambientali e alimentari. Tutti questi principi potranno essere trasmessi, anche grazie all’orto scolastico.

All’incontro è intervenuta anche il Consigliere con Delega Istruzione e Famiglia Prof. Daniela Morelli, in rappresentanza dell’amministrazione Comunale di Monteprandone, che ha confermato il supporto e la partecipazione Comunale al Progetto.

Il Progetto “INCONTRI all’Orto Bio” mira ad avviare una sperimentazione di “orticoltura sociale e didattica” capace di unire il valore dell’orto con quello della relazione e partecipazione”, come ha spiegato l’insegnante Giuseppina Coclite, Referente Progetto Scuola Primaria B. Croce; Il Nonno Pasquale Marinelli, durante l’incontro ha sottolineato l’importanza della coltivazione dell’orto BIO nella scuola, avviato già dal 1998, e del coinvolgimento degli alunni nella gestione dello stesso. Per la Partners in Service srl Centro di Educazione Ambientale “Ambiente e Mare”, riconosciuto R. Marche, che cura la parte educativa e comunicativa del progetto, è intervenuta la Biologa Nutrizionista dott.ssa Barbara Zambuchini, affermando che ”il progetto vuole diffondere nuovi e più sostenibili stili di vita, valorizzare la competitività dei prodotti locali, favorire l’attenzione dei cittadini intorno alle tematiche etico-ambientali e presentare le diverse opportunità offerte dall’agricoltura sociale e civica e dagli orti urbani e scolastici”.

In Blu Turismo Sostenibile
24/11/2015

Ambiente e turismo, ecco il progetto per una pesca sostenibile.

Un nuovo marchio di qualità a sostegno di un’evoluzione ecosostenibile della pesca in Adriatico. È il progetto, presentato nel pomeriggio del 24 Novembre nel Museo della Civiltà Marinara di San Benedetto, che è volto a incentivare la diffusione di attività turistiche non convenzionali nei settori del pesca turismo e dell’ittiturismo dell’area adriatica. L’iniziativa, sviluppata nella cornice del progetto Adriatic Fish Product Promotion (AFPP) – PIS CEA “Ambiente e Mare”, è stata proposta dalla start up innovativa “Partners in Service” e finanziata dal Fondo Europeo della Pesca ed ha trovato il sostegno di diversi comuni del litorale Piceno. L’obiettivo è quello di sostenere la diffusione di una nuova cultura della pesca e del turismo in maniera da conferire maggior spessore al commercio e al consumo di varietà di pesce cosiddetto “povero”, quello meno noto, non abitualmente consumato nei ristoranti e nelle case e di conseguenza maggiormente disponibile. Il progetto, che ha già ottenuto l’appoggio di diversi Comuni del Gruppo d’Azione Costiera Marche Sud, si fonda su due pilastri. Il primo, il marchio “inBlu”, quale certificazione dell’erogazione di servizi di qualità e sostenibili, offerto a tutti gli operatori turistici delle strutture ricettive e della ristorazione che con le proprie iniziative contribuiranno al sostegno e alla diffusione del consumo di pesce fresco locale, massivo o azzurro. Il secondo, che passa attraverso il sostegno dei Comuni parte del progetto, la promozione di attività turistiche in settori e periodi alternativi a quelli classici del litorale nella stagione estiva, caratterizzati da una forte connotazione educativa e culturale.

Al convegno hanno preso parte l’Assessore all’Ambiente di San Benedetto, Paolo Canducci, l’Assessore alle Attività Produttive di Grottammare, Lorenzo Rossi ed il Vice Sindaco di Acquaviva Picena, Luca Balletta, tutti rappresentanti di Comuni che hanno già aderito al progetto, sottolineando nei rispettivi discorsi di apertura l’importanza della diffusione di una nuova cultura sostenibile della pesca e del turismo capace di dare nuova linfa vitale al territorio e all’economia locale. Dalle gite in barca alla scoperta di quella parte del Mar Adriatico che, citando l’Assessore Rossi, giace “al di là della barriera di scogli frangiflutti” alla rivalutazione di una nuova e più ampia varietà di sapori di casa nostra, la Partners in Service lascia volutamente le porte del progetto aperte per tutte le entità territoriali che vorranno entrare a farne parte nei prossimi anni, con la speranza e l’ambizione di estendere le iniziative a tutto il litorale Marchigiano.

PROGETTO FINANZIATO: Fondo Europeo della Pesca - Regione Marche – Assessorato alla Pesca

Piano di sviluppo locale del Gruppo d’Azione costiera Marche Sud -Asse prioritario 4.1 Intervento 4.1.1B “Interventi per la promozione integrata delle eccellenze del territorio” Bando GAC MARCHE SUD (anno 2014)

Fish & Cheap
20/11/2015

“FISH & CHEAP”: Sostenibile, Locale e Fresco

Con la partecipazione On. Silvia Benedetti Segretario Commissione Agricoltura e Pesca

Si è concluso, con il Convegno “Fish & Cheap: Sostenibile, Locale e Fresco, Azioni per un consumo responsabile delle risorse ittiche e una pesca a minore impatto ambientale, del 20 Novembre 2015, presso la sede Associazione dei Pescatori Sambenedettesi, il progetto “Adriatic Fisheries Education Point“ “AFEP” - CEA “Ambiente e Mare” presentato dalla Partners in Service srl Start up Innovativa”, titolare del Centro di Educazione Ambientale – CEA “Ambiente e Mare” riconosciuto R. Marche.

Durante il convegno “Fish & Cheap”: Sostenibile, Locale e Fresco è stato promosso il consumo delle specie cosiddette neglette, sostenibili e ‘cheap’ (ovvero economiche) in un’ottica di uso razionale delle risorse ittiche, oggi sovra sfruttate, al fine di sensibilizzare anche le nuove generazioni verso un approccio più sostenibile alle risorse marine e per una pesca più sostenibile. Sono stati coinvolti anche i ragazzi dell’Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “F. Buscemi” di San Benedetto del Tronto, accompagnati dal Prof. Gastronomia Alessandro Capriotti, inoltre particolarmente significativa la presenza dei pescatori, già coinvolti nel progetto.

In linea con Fondo Europeo Affari Marittimi e Pesca FEAMP (2014-2020), di cui è in corso di approvazione del piano operativo nazionale, che promuovere una cultura di sostenibilità sia nel consumo delle risorse ittiche che nella attività di pesca ed acquacoltura, in questo senso proporre un consumo basato sul pescato locale, stagionale e su specie poco sfruttate commercialmente – il così detto pesce povero – viene visto come un’opportunità concreta per abbassare il carico che grava su specie soggette ad over-fishing e per mantenere viva inoltre l’economia locale. Nell’ambito del ripristino delle risorse ittiche, inoltre, una gestione basata sull’istituzione e il rafforzamento delle aree marine protette appare come una valida opzione per poter garantire alle generazioni future un ambiente integro, ricco di biodiversità e di pesce. Il progetto vuole inoltre promuovere forme di pesca a basso impatto ambientale come il pescaturismo.

I diversi attori coinvolti nel progetto e al convegno finale: operatori della filiera ittica locale, pescatori, grossisti, distributori, centri di educazione ambientale, scuole e Istituzioni al fine promuovere un consumo responsabile delle risorse ittiche e ancor prima metodi di pesca a basso impatto ambientale. I relatori hanno offerto spunti di riflessione importanti su quanto è stato fatto e quanto ancora è da implementare per creare le condizioni migliori per preservare l’ambiente e valorizzare il territorio.

Silvia Benedetti, On. Commissione Agricoltura e Pesca Parlamento Italiano, “ha focalizzato il suo intervento sull’importanza di “Gestire la pesca”, ad oggi non è stato realmente fatto ed ora più che mai è urgente farlo. Il Mediterraneo, anno dopo anno, peggiora la propria pescosità e rischia di mettere definitivamente in pericolo le proprie riserve ittiche. Negli ultimi due decenni si è avuta una crescita demografica e tecnologie di pesca sempre più sofisticate che hanno causato uno sfruttamento eccessivo dei mari, con il risultato che molte zone di pesca risultano sovrasfruttate. In pratica, pesce viene pescato ad un ritmo più rapido rispetto ai tempi necessari per rinnovarsi e la relativa popolazione è destinata ad esaurirsi. Non intervenire potrebbe avere effetti devastanti sulla fauna marina e sulle economie costiere fondate sulla pesca”. Occorre inoltre promuovere il connubio pesca—consumatore; e ridurre il gap tra ricerca e pesca, quest’ultimo è fondamentale per un mercato più equilibrato e per una pesca più sostenibile”.

Fabio Urbinati, Consigliere Regione Marche, che ha ribadito l’importanza e la necessità di progetti di valorizzazioni dei prodotti del nostro mare e per questo occorre fare presto con la nuova programmazione FEAMP.

Paolo Canducci, Assessore Ambiente Comune di San Benedetto del Tronto, come diceva On. BenedettiSuperare le difficoltà di confronto tra pescatori e ricerca, non sono in contrasto ma devono lavorare insieme; c’è anche da dire che sul tema della sostenibilità i pescatori non rappresentano la controparte e fino ad oggi proprio per aver interpretato la figura del pescatore come controparte nel rapporto con le risorse ittiche, fa si che spesso nasca questa difficoltà di confronto e continui bracci di ferro. Oggi i pescatori sono maturati come approccio al mare, sono cambiati anche perché si rendono conto che l’attività che hanno portata avanti da generazioni non può essere più la stessa, anche perché il pesce di oggi come dimensioni, qualità e quantità non è lo stesso di prima quindi si domandano, si confrontano e si mettono insieme per garantire un futuro alla loro pesca. È necessario pertanto aprire i tavoli di confronti anche agli operatori ittici, su tematiche importanti quali ad es. modalità di fermo biologico, ect.”, in linea con il consigliere Urbinati.

PROGETTO FINANZIATO: Fondo Europeo della Pesca (FEP 2007-2013)- Regione Marche, Assessorato alla Pesca

Piano di sviluppo locale del Gruppo d’Azione costiera Marche Sud - Asse prioritario 4.1 Misura 4.2.1B “Iniziative di diversificazione” Bando GAC MARCHE SUD

Conferenza Stampa Adriatic Fish Product Promotion“ “AFPP”
30/09/2015

Conferenza Stampa Adriatic Fish Product Promotion“ “AFPP” PIS—CEA “Ambiente e Mare” Intervento 4.1.1B “Interventi per la promozione integrata delle eccellenze del territorio”

Bando Gac Marche Sud

Il progetto “Adriatic Fish Product Promotion “AFPP” PIS CEA “Ambiente e Mare” presentato dalla Partners in Service srls “Start up Innovativa”, titolare del Centro di Educazione Ambientale - CEA“Ambiente e Mare”, R. Marche, in associazione con l’azienda ittica Blueshark srl, (che svolge attività di lavorazione dei prodotti ittici, in particolare la trasformazione del pesce azzurro), è risultato primo in graduatoria a valere Intervento 4.1.1B “Interventi per la promozione integrata delle eccellenze del territorio” bando Gac Marche Sud (anno 2014).

Attraverso Il progetto “Adriatic Fish Product Promotion “AFPP” PIS CEA “Ambiente e Mare” e in piena rispondenza al perseguimento dell’obiettivo individuato dal PSL del GAC MARCHE SUD B.2, si intende promuovere e valorizzare il prodotto ittico dell’Adriatico “povero e/o massivo”, e valorizzare la marineria locale, attraverso:

· la creazione della prima Rete di operatori dell’Ittiturismo e Pescaturismo dei Comuni del GAC Marche Sud

· la stampa di materiale informativo

(es. ricettari, brochure, opuscoli, ecc.),

· una serie di manifestazioni di carattere educativo/enogastronomico e culturali

(es. convegno divulgativo finale, proiezione documentari, consegna degli Opuscoli informativi/ricettario, degustazioni di prodotti locali, ecc.),

· la realizzazione e promozione di un Marchio di qualità

· la predisposizione, promozione e divulgazione di Pacchetti Turistici Eco-sostenibili.

Il tutto in sinergia ed integrazione con le eccellenze ambientali, enogastronomiche e culturali del territorio e le altre filiere locali e regionali, realizzando anche la promozione in rete dell’offerta congiunta delle attività turistiche, ricreative e culturali del settore ittico legate alla diffusione del pescaturismo e dell’ittiturismo nel territorio dei Comuni del GAC Marche SUD.

Obiettivi del Progetto:

· Sensibilizzare la popolazione al consumo del prodotto ittico locale azzurro e/o massivo nel rispetto della sua stagionalità. L’obiettivo è quindi anche quello di sensibilizzare al consumo intelligente del pesce dell’Adriatico, nella consapevolezza che mangiare pesce fa bene ma fa ancora meglio mangiare pesce a un prezzo contenuto, specialmente in alcuni periodi dell’anno.

· Promuovere la tradizione culinaria del territorio costiero;

· Organizzare manifestazioni ed eventi che uniscano i settori enogastronomico, educazionale/culturale e turistico, nell’ottica di promuovere e valorizzare il prodotto ittico locale di stagione in un “mix” di enogastronomia, turismo, ambiente, cultura e folklore e creare un circuito sinergico tra le varie attività del territorio (aziende ittiche, agroalimentari, ristoranti, università, turismo/servizi, ecc.)

· Valorizzare il prodotto ittico locale e la commercializzazione integrata dello stesso con altri prodotti agroalimentari tipici del territorio anche attraverso la realizzazione di un marchio di qualità;

· Diffusione dell’intervento anche fuori regione .

· Integrare progetti aventi ad oggetto la filiera ittica (coinvolgimento operatori ittici, allevatori ittici, ecc) con le tradizioni del territorio, eventi culturali ed enogastronomici ed altre filiere locali e regionali.

Conferenza stampa 31 luglio 2015 alle ore 11.00
14/07/2015

Presso la Sala Consiliare Comune di San Benedetto del Tronto in via Viale A. De Gasperi 124, il 31 luglio 2015 alle ore 11.00. Si terrà la presentazione e condivisione dei progetti finanziati alla PARTNERS IN SERVICE SRL “Start up Innovativa”, titolare del Centro di Educazione Ambientale – CEA “Ambiente e Mare”

Saranno presentati i seguenti progetti:
- Progetto “Adriatic Fish Product Promotion“ “AFPP” PIS srl CEA AMBIENTE E MARE
- Progetto “Adriatic Fisheries Education point product “ “AFEP” PIS srl CEA AMBIENTE E MARE