Newsletter

CONTRIBUTI FINO A 7.500 ALLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI NON ALIMENTARI

REGIONE MARCHE – Scadenza 31 Ottobre 2015

 

Bando per la concessione di contributi in conto capitale alle piccole imprese marchigiane, singole o associate, del commercio al dettaglio in sede fissa del settore non alimentare attive da più di 3 anni nella stessa unità locale a partire dalla data di scadenza del bando.

Sono ammessi a finanziamento anche i progetti già realizzati a far data dal 1° gennaio 2014.

Le risorse a disposizione per l’intervento agevolativo ammontano a circa 150.000,00 euro.

Soggetti beneficiari

I soggetti beneficiari sono le piccole imprese marchigiane, singole o associate, del commercio al dettaglio in sede fissa del settore non alimentare attive da più di tre anni nella stessa unità locale a
partire dalla data di scadenza del bando.

Non rientrano tra i soggetti beneficiari le seguenti di attività:

– attività di vendita non rivolte al pubblico (spacci interni);

– attività di vendita di merci prodotte in proprio (agricoltori, artigiani,
ecc.);

– attività di farmacie e parafarmacie;

– attività che prevedono trasformazione di prodotti;

– attività di noleggio;

– attività di commercio elettronico;

– attività di rivendite di carburanti;

– attività promiscue;

– attività di commercio all’ingrosso;

– attività di monopolio.

ll volume di affari 2014 non deve essere superiore ad € 500.000,00.

 

Sono agevolati i seguenti interventi:

a) Ristrutturazione, manutenzione straordinaria, ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività
commerciali (le spese relative al deposito merci nonché gli uffici non sono ammissibili a contributo anche se il deposito/ufficio è contiguo all’unità
locale);

b) arredi, attrezzature fisse, mobili, elettroniche ed informatiche (hardware e software) strettamente funzionali all’attività;

c) acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale settore non alimentare per un valore massimo di € 40.000,00 iva esclusa.

La spesa ammissibile riferita agli investimenti di cui alle precedenti lettere a),b), al fine dell’ottenimento del contributo, al netto di IVA, non può essere inferiore a € 5.000,00 (iva esclusa).

Le spese di cui alla lettera c) acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale settore non alimentare
per un valore massimo di € 40.000.00 (iva esclusa) sono accoglibili a condizione che sia effettuato anche un investimento pari o superiore a € 5.000,00 di cui alle lettere a),b).La spesa totale massima
ammissibile è pari ad € 50.000,00 (iva esclusa).

Tutte le spese devono essere di nuova fabbricazione.

Newsletter

CONTRIBUTI FINO A 7.500 ALLE PICCOLE IMPRESE COMMERCIALI NON ALIMENTARI

REGIONE MARCHE – Scadenza 31 Ottobre 2015

 

Bando per la concessione di contributi in conto capitale alle piccole imprese marchigiane, singole o associate, del commercio al dettaglio in sede fissa del settore non alimentare attive da più di 3 anni nella stessa unità locale a partire dalla data di scadenza del bando.

Sono ammessi a finanziamento anche i progetti già realizzati a far data dal 1° gennaio 2014.

Le risorse a disposizione per l’intervento agevolativo ammontano a circa 150.000,00 euro.

Soggetti beneficiari

I soggetti beneficiari sono le piccole imprese marchigiane, singole o associate, del commercio al dettaglio in sede fissa del settore non alimentare attive da più di tre anni nella stessa unità locale a
partire dalla data di scadenza del bando.

Non rientrano tra i soggetti beneficiari le seguenti di attività:

– attività di vendita non rivolte al pubblico (spacci interni);

– attività di vendita di merci prodotte in proprio (agricoltori, artigiani,
ecc.);

– attività di farmacie e parafarmacie;

– attività che prevedono trasformazione di prodotti;

– attività di noleggio;

– attività di commercio elettronico;

– attività di rivendite di carburanti;

– attività promiscue;

– attività di commercio all’ingrosso;

– attività di monopolio.

ll volume di affari 2014 non deve essere superiore ad € 500.000,00.

 

Sono agevolati i seguenti interventi:

a) Ristrutturazione, manutenzione straordinaria, ampliamento dei locali adibiti o da adibire ad attività
commerciali (le spese relative al deposito merci nonché gli uffici non sono ammissibili a contributo anche se il deposito/ufficio è contiguo all’unità
locale);

b) arredi, attrezzature fisse, mobili, elettroniche ed informatiche (hardware e software) strettamente funzionali all’attività;

c) acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale settore non alimentare per un valore massimo di € 40.000,00 iva esclusa.

La spesa ammissibile riferita agli investimenti di cui alle precedenti lettere a),b), al fine dell’ottenimento del contributo, al netto di IVA, non può essere inferiore a € 5.000,00 (iva esclusa).

Le spese di cui alla lettera c) acquisto merci inerenti l’attività di vendita dell’esercizio commerciale settore non alimentare
per un valore massimo di € 40.000.00 (iva esclusa) sono accoglibili a condizione che sia effettuato anche un investimento pari o superiore a € 5.000,00 di cui alle lettere a),b).La spesa totale massima
ammissibile è pari ad € 50.000,00 (iva esclusa).

Tutte le spese devono essere di nuova fabbricazione.